• img-book
ISBN: 9788897715009

Ceramiche attiche a figure rosse da Tarquinia. (Contributo al catalogo del Museo Archeologico Nazionale)

90.00

About This Book
Details

ISBN: 9788897715009
SKU: 9788897715009
Publish Date: 2014
Page Count: 352

Press reviews:

Il volume raccoglie un vasto corpus di ceramiche attiche a figure rosse (in tutto 360) provenienti dalle necropoli tarquiniesi, databili per lo pi. tra il 480 e il 330 a.C. e conservate presso il Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia, nonch. 63 ulteriori pezzi sparsi in diversi Musei italiani e stranieri, alcuni dei quali appartenenti peraltro ad un pi. alto orizzonte cronologico (510-490/80 a.C.), con l’intento di integrare lo studio di Gloria Ferrari Pinney sulle ceramiche attiche a figure rosse di et. arcaica del Museo di Tarquinia. Ad una prima parte, costituita da una breve introduzione sulla formazione delle collezioni presenti nel Museo di Tarquinia, da schede introduttive sulle botteghe di produzione o le singole personalit. Artistiche individuate e da una sezione conclusiva, incentrata sul confronto tra le attestazioni dalla necropoli e quelle provenienti dai santuari di Gravisca e della Civita, segue il catalogo, che raccoglie, in sezioni distinte, i pezzi visionati e schedati dall’Autrice nel Museo di Tarquinia e quelli presenti in altri Musei, analizzati sulla base della letteratura nota. Fulcro della ricerca sono le nuove proposte di attribuzione avanzate dall’Autrice per alcuni dei vasi conservati a Tarquinia, in totale 72, che mettono in evidenza un picco delle importazioni in particolare a partire dalla met. e nel terzo quarto del V secolo a.C., con l’assoluta predominanza, circa i Pittori, della scuola che gravita intorno al Pittore di Pentesilea e a quella di Polignoto, nonch. la presenza nella necropoli di Pittori prima documentati solo dalle attestazioni provenienti dal santuario di Gravisca. Ove non . stato possibile risalire ad una mano o comunque ad una bottega, a causa del cattivo stato di conservazione dei frammenti, . stato proposto un inquadramento cronologico degli stessi, fornendo almeno un importante dato numerico relativo alle forme maggiormente rappresentate.